La MICIOBAND,il BIGLIOGATTO e ARTEGATTI

30 agosto 2012,ore 7:17 alla stazione di Ancona,il treno parte,direzione Milano,poi un’altro treno da prendere,per la meta finale, Chivasso e da li prima Ivrea,poi CIGLIANO.

Ma facciamo un passo indietro a quando,circa due mesi fa arriva un messaggio su FB-Fra sto organizzando una mostra sui gatti,DEVI PARTECIPARE!!!!!!!!!!! OBBEDISCO  mi vien da rispondere senza chiedere altro,come non dire di si a Tuty,potrebbe offendersi neh!!!!!!!

Partono i disegni e parto pure io,primo viaggio in solitaria sul treno,spero di non ritrovarmi a Napoli…..per fortuna tutto ok e alle 13:42(mamma che puntualità le FS) …….ISIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIII……..FRAAAAAAAAAAAAAAAA!!!!!! Il primo incontro con Isabella,dopo due anni di chiacchiere e miaggolii solo virtuali finalmente riusciamo ad incontrarci,ed è stato come conoscersi da una vita,senza quegli imbarazzi che solitamente si accompagnano ai primi incontri non importa siano essi fra persone dello stesso sesso o no,a noi non accade,noi ci conosciamo già,perché anche se è vero che le amicizie di fb son virtuali poi ti ritrovi a coltivarne alcune che non importa la distanza,non importa quel freddo schermo,dietro i cuori battono,e tu sai che le persone con cui parli son tue amiche,come quelle che ti vivono al piano di sotto…..

A casa di Isabella ci attende il maggiordomo in livrea,Giorgio ci accoglie con il suo delicato Miao e anche Cecilia,la dolce timida Cecilia trova il coraggio di farsi vedere,e si lascia anche avvicinare quel tanto da far nasino-ditino,UN ONORE NON DA TUTTI ❤

Appuntamento con Rosy alle 17,e noi ovviamente siamo ancora a chiacchierare alle 17 meno un quarto.

Cazziatone giustificato di Rosy,che vuole incontrarci anche lei e via di corsa,Ivrea-Cigliano a tempo di record ed eccoci finalmente qua tutte insieme,abbracci e baci e poi su a casa per conoscere sua maestà Tullio Cicero e lui che fa?Si rintana dietro la lavatrice,e non ci degna di uno sguardo.

Per fortuna Filomena accoglie le nostre coccole e anche Rudy e DunDun(Nando) si mostrano a noi anche se a distanza…….GATTI!!!!!!

Dundy

E POI FINALMENTE ANTEPRIMA DELLA MOSTRA,ma prima tutti a conoscere Mariolino il bibliogatto,il siamesino vip ritratto per la mostra anche da Titti Garelli ed altri artisti,fra cui la sottoscritta.

Mariolino il bibliogatto

Gatti su gatti,276 modi di vedere l’amato felino si susseguono sulle pareti dei locali adibiti ;il nostro mondo ideale,dateci delle brande,restiamo qua!!!!!!!

Finalmente il 31,il giorno dell’inaugurazione è arrivato,e ovviamente PIOVE!!!!!Ma i veri gattofili non si fanno certo fermare.

Alle quattro appuntamento alla mostra;no,non è aperta,ma non importa,c’è una cosa più importante ora.Simona è arrivata e Michela ed Andrea e Rita.

La MICIOBAND è QUASI AL COMPLETO.

Poi suona il telefono-Francy sono arrivata,sono all’entrata. Chiuso il telefono,non sento più neanche se son state dette altre parole,Laura è arrivata,accompagnata da Noemi.Scusate tutte e tutti,ma l’incontro con Laura per me è speciale e voi sapete il perchè,quindi non ve la prenderete…… Isabella è dietro di me e poi via via tutti gli altri,prendiamo posto e dopo un po’ comincia la presentazione,con le maestranze locali che via via presentano la mostra, poi il sig.Prola chiama gli artisti alla loro prima esposizione,tra i quali ci sono anche io,e ovviamente si intreccia,mischiando i nomi e la provenienza,ma povero,con tre Francesca chi può biasimarlo,lo avrebbe fatto chiunque……

le schiavette di Elodie

Basta parlare,andiamo a vedere la mostra,tuffiamoci in questo mondo di gommini, vibrisse e miagolii,trovando anche il tempo di vendere il primo quadro.Non ci posso neanche credere,la prima vendita,e tutto qui e ora in questa magica giornata. La chiudo qui,il resto di quel che è successo me lo tengo ancora per me,un po’ per scaramanzia un po’ per pudore,vi dico solo che domenica mattina un’altra persona aveva chiesto di comprare quel famoso primo quadro,ma tant’è,vedrò di farne altri con lo stesso tema se piace così tanto. Un caro saluto e un arrivederci a tutti,miei cari a-mici a quelli umani e in particolare,non voletemene ,a quelli felini.

Un miao a Tuty,anche se non ti sei fatto vedere,un salutone a Mariolino e un abbraccio grande al piccolo Gio Gio,voglio bene a voi e alle vostre umane,un abbraccio a Paola,Vania e Titti e Francesca e a tutti quelli che non ho quì nominato,un saluto e un ringraziamento anche alla cittadina che mi ha accolto a braccia aperte………MIAO CIGLIANO!!!!!!!!!!!!!

Annunci

E la voglia di disegnare che se ne va in vacanza…

Caldo,afa spossatezza e noia,e la voglia di disegnare che se ne va in vacanza….La pila di fogli banchi,che durante il resto dell’anno sembra ti chiamino,chiedendoti di sporcarli con matite e pennarelli, acrilici e acquerelli e chine se ne stanno li,fermi in un angolo,quasi sembra vogliano nascondersi a te, e quella loro voce che ti chiama, solitamente così forte è lì,ma lontana e indistinta,e a volte ti chiedi se la sentirai,quando la sentirai forte come prima.

E le idee che non vengono,le idee che ci sono,ma non riescono a concretizzarsi in qualcosa di a malapena decente,e allora che fai?Cerchi di disegnare ciò che più ami,così su un foglio appaiono schizzi di gatti, ma ti accorgi che al di la del semplice schizzo non riesci ad andare,così poggi i fogli  e chiudi le matite nel cassetto…….

…..nella speranza che domani questo caldo,quest’afa, questa spossatezza e questa noia se ne andranno…

la strada di un’illustrazione

Illustrazione.Quando sei davanti a un’illustrazione ti può piacere o meno,ma soprattutto se ti piace ti chiedi due cose;come ha fatto l’illustratore a realizzarla e quanto tempo ci ha impiegato,a me almeno accade così,deformazione professionale?

Io una volta che decido il tema di una mia illustrazione,sia essa per un libro,per un concorso,su ordinazione o soltanto perchè le mani fremono dalla voglia di “sporcare il foglio” la prima cosa che faccio è prendere la mia pila di fogli A4 e cominciare a disegnare. Solitamente inizio con lo scarabocchiare un’inquadratura che mi è di primo getto venuta in testa una volta deciso il soggetto: se ad esempio decido di realizzare un’immagine da una fiaba leggo alcune volte la parte che diventerà la mia illustrazione, finchè non vedo la scena davanti a me. Non necessariamente il risultato finale sarà uguale a questo primo schizzo,ma mi dà un’ idea su cosa lavorare.

Poi ovviamente devo decidere la fisionomia dei personaggi,così comincio a schizzare visi e corpi finchè non mi piace quello che vedo sul foglio e solo allora provo a farlo in varie posizioni,per prendere confidenza con lui(o lei) e disegnarlo,come si dice,ad occhi chiusi.

Prove su prove infine ho tra le mani l’illustrazione che voglio realizzare e finalmente la riporto sul foglio per il definitivo(dopo aver trascorso due ore prendendo tra le mani prima quel blocco,poi quell’altro;ho scoperto di essere un pò indecisa in questa fase del lavoro).

Ora l’illustrazione è lì,che aspetta di essere colorata, ed è a questo punto che comincio a guardarla e il cuore batte dalla voglia di cominciare ,di scegliere i colori di selezionare i pennelli, di riempire il barattolo con l’acqua pulita e trovare i legnetti del gelato che uso per  stemperare i colori.

Ed è a questo punto che mi blocco!!! E’ la paura di sbagliare,di non riuscire a portare sul foglio quello che ho nella testa,di dover ricominciare tutto. Poi però prendo pennelli colori acqua e bastoncini e comincio a colorare,e piano piano eccola lì, l’illustrazione prende forma. Sono proprio queste illustrazioni,queste che ti fanno battere il cuore all’inizio quelle che che riescono meglio,quelle che continuano a farti battere il cuore anche una volta terminate.

E tu,illustrazione che scalpiti per uscire dalla mia mano per entrare nel foglio,di che tipo sei?

ALLA FIERA DEL LIBRO

Le 5.41 di giovedì…MIAOOOO!!!!!!!

Calimero fra mezz’ora ho la sveglia,non potevi aspettare???

Evidentemente no,lui esce in giardino e io aspetto che la sveglia suoni…

6.15 mi alzo,non ce la faccio più e comincio a prepararmi,oggi giornata speciale per me e Manuela Giacchetta,è la nostra giornata annuale,si va a Bologna al CHILDREN BOOK FAIR!!!!!!!

Controllo prima di uscire:

disegni…ci sono.

biglietto del treno e più importante ancora biglietto di entrata alla fiera….ci sono.

Pappa…c’è…

matite ,book,mp3, portafoglio ci sono…..

NOOOOOO!!!!!!Il portafoglio,dov’è?Panico ,non è nello zaino,calma controlliamo.Ah!!!Eccolo nell’angolo, ok cellulare. SI PARTE!!!!!!

7.10 In orario perfetto sotto casa di Manu,che è già li che ci aspetta(ovviamente grazie al solito sms :parto ora!!!)e dopo 10 minuti siamo dentro la stazione.TOH!!!Chi è in attesa del treno al primo binario,Micky e Manu(sapete è stata Micky,la mia amica di più vecchia data a farci conoscere 3 anni fa,che sia buon segno per la nostra spedizione?)

Ok le salutiamo e ci avviamo al nostro binario,il 6,il treno arriva e noi ci sistemiamo comode comode,bello montare su un treno nella sua stazione di partenza,è tutto vuoto 🙂

Stazione dopo stazione Ancona si allontana ed eccoci finalmente a Bologna,capatina in bagno,e il solito primo euro che se ne va,ok ti danno i bagni puliti e l’acqua è tiepida,ma UN EURO!!!!!!!!

Vabbè chissene, l’importante è che ora siamo sul bus

IL 25 O IL 28 MANU RICORDIAMOCELO L’ANNO PROSSIMO!!!

Eccola,l’entrata della Fiera,e noi siamo proprio quì

non ci credete?aspettate…

…ci credete ora?

Basta è il momento di entrare,e di recuperare i disegni che ho mandato per la selezione,non mi hanno scelto,ma poco male,mi sono valsi l’entrata gratuita(Manu a proposito devo darti i 12,50 euro della metà del tuo biglietto,ricordamelo quando ci vediamo.)E ora altro passo prima di buttarci fra gli stand degli editori, il muro degli illustratori,dove chi spera di essere notato appende un suo disegno(ohi fotocopia,mi raccomando)con telefono e indirizzi vari,si ,quest’anno lo faccio anche io.

Sono lì da qualche parte,vediamo se frutterà la cosa….

Padiglione 25, gli stand italiani son tutti lì,e nel 26,noi ci buttiamo nella mischia.Pochi i visitatori a dire il vero rispetto allo scorso anno,ma dipende dal fatto che abbiamo scelto di venire l’ultimo giorno,mai più,l’anno prossimo il secondo, siamo sicuri della presenza di più responsabili che controllino i book delle illustrazioni.

E si infatti siamo già al 5°stand,e il 5°-NO,C’ERANO FINO A IERI, PERO’ GUARDA MANDA IL PORTFOLIO VIA MAIL A QUESTO INDIRIZZO, CONTROLLIAMO TUTTI!!!

Uno addirittura mi ha detto-Era quì fino a poco fa,ma abbiamo un convegno e se ne è andato,guarda, ora ora  😦

Ok andiamo avanti

Fra,guarda dietro di me-mi fa Manu.

Miracolo,una ragazza sta mostrando le sue illustrazioni,mi faccio avanti e chiedo se è possibile dopo fare lo stesso, una collega mi chiede di mostrargli il book,e dopo aver finito con un-Molto belle-mi fa-fra 10 minuti torna e faglielo vedere .

Oddio,molto bello, e quando mai era successo?Mi sa che quest’anno ha fruttato il tempo passato con pennelli ed acrilici in mano 🙂

Torniamo,che si è fatto mezzogiorno,ma purtroppo una ragazza che aveva preso appuntamento è arrivata,così l’incontro slitta di mezz’ora,ma ok facciamo un giro intanto.

Dieci minuti e 5 -no non c’è,mandalo via mail – dopo, arriviamo allo stand di Carthusia,prendo il biglietto e mi giro ,alle mie spallo lo stand di Cartilia.

Cartilia,non mi sembra di averla notata gli anni scorsi,ma tantè,casa editrice sei,e io ti vengo a trovare.

Buongiorno,avete in fiera il responsabile che controlli i nuovi illustratori?

Sarei io,fammi vedere-mi fa il signore brizzolato davanti a me.

Di dove siete?fa lui,una volta seduti

Di Ancona-rispondo aprendo il book

Anche noi,e non ci conoscete?Stiamo alla Baraccola!!!

Ecco,veramente io…….no sinceramente non mi sembra che……

Abbiamo la libreria in via degli orefici.

Lumino,si la libreria che ho notato ad inizio anno durante la notte bianca-Si,si -gli rispondo- siete voi,sono stata ,ma non ricordavo il nome-

Ok,salvate le apparenze,torniamo al book,pagina dopo pagina,la mano si ferma su un disegno che mostra ai colleghi,li presenti.Ve la faccio breve,dopo avermi spiegato a grandi linee di cosa si occupa Cartilia,mi fa

-Mandami il book,e poi tra 10,15 giorni ci risentiamo e vieni in sede,tanto sei di Ancona,ti è anche comodo-

Giuro,non sapevo se stavo sognando o cosa,fortuna che ero seduta,perchè altrimenti sarei caduta come una pera cotta,lui chissà,se ne sarà accorto?

Si volta e chiede a Manu se ha pubblicato qualcosa,e ovviamente si,Manu ha pubblicato “Bowling e margherite” con la Las Vegas e allora ecco lui che le dice

-Mandami il tuo curriculum,a noi serve un addetto stampa,e tu faresti al caso nostro,essendo dell’ambiente-

BOOOOM!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!! 2 pere cotte 5 minuti dopo lasciano lo stand,chissà se ci avranno notato camminare a 2 metri da terra gli altri in fiera!?!

Abbiamo tardato all’appuntamento di mezzogiorno e mezzo,ma la signora è li e ci aspetta.Apro il book e cominciamo a parlare mentre le mostro le illustrazioni.Morale della storia,vi dico cosa mi ha detto

-Hai delle cose da aggiustare per il mercato estero-non ve lo avevo detto,ma con lei lavorerei fuori Italia-fammi 4/5 illustrazioni nuove da abbinare a quelle che già hai e porto il tuo book alla fiera di Francoforte.Se tutto andrà bene(ma si,di fondo le piace come lavoro)ti faccio un contratto triennale.

Insomma di nuovo li,come una pera cotta lascio lo stand assieme a Manu e riprendiamo il giro.Ho i brividi,giuro,saranno 25 gradi e io ho i brividi,non facciamo altro che parlare dei 2 appuntamenti,ne ho fatti 2 e ho ricevuto 2 si,ok ancora niente di scritto,ma che cavolo,siamo ottimisti una volta nella vita!!!Lasciatemi sperare!!!

Dopo pranzo andiamo a vedere i selezionati di quest’anno,e ovviamente non ci piacciono,non capisco proprio chi sceglie con che criterio lo fa!!!Solo uno ci piace e solo quello cerchiamo,Marina Marcolin non ci tradisce neanche stavolta,SEI GRANDE COME SEMPRE!!!

Notate le nostre faccette felici,ancora siamo in subbuglio!!!!!!

Sono le 14,minuto più minuto meno e la fiera sta chiudendo i battenti-Ma come non dovevano rimanere attivi fino alle 15.30?Mai più l’ultimo giorno!!!

Ok sai che si fa?Il treno è alle 16:30,andiamo in centro…….ma prima diamo un’occhiata ai disegni che ho appeso sul muro:cavoli,hanno preso un numero!!!!

E sei contenta per un numerino misero che hanno staccato?Sì, se contate che l’ho appeso alle 11 e ora sono le 14(minuto più,minuto meno) dell’ultimo giorno,SI,sono contentissima dell’unico numero preso!!!!

Eccoci quà ,dopo una visita alla libreria per ragazzi “Stoppani”,alla ricerca di una gelateria,cammina cammina,eccola,ci sediamo e prendiamo un gelato.Ehm!!!!Ok raddoppiamo,era così buono che ne prendiamo un’altro,ma tantè,CE LO MERITIAMO O NO???

OK,volete proprio che vi mostri come eravamo in quel momento?Se me lo chiedete così…

Basta,è ora di rientrare,prendiamo il treno che ci riporta a casa e non è certo come la mattina,gonfio che più gonfio non si può, stiamo in piedi,ma che ci importa,c’è solo un problemino….NON ABBIAMO VIDIMATO!!!!!CI SIAMO SCORDATE,MA CE NE FATE UNA COLPA?La controllora no,e ci annulla lei il biglietto,tutto a posto,abbiamo anche trovato due posti, Ancona stiamo tornando,con tanti sogni e tanti progetti in testa!!!!!!

A presto Bologna,alla Fiera del prossimo anno ci saremo anche noi.

Perché un blog

Perché un blog…….

Ottima domanda,la cui risposta più scontata è…perché no!!!!

Nel mio caso la risposta che più mi diverte dare è…perchè così mio zio smette di dirmi di farmi un sito o,appunto ,un blog!!!!!

La vera risposta in fondo è; semplicemente perchè avevo piacere di mostrarvi i miei lavori di illustrazione.

Ecco,è questo che ha intenzione di essere,nelle mie intenzioni,questo blog,un diario,un viaggio nel mio mondo di illustratrice,ed è per questo che la maggior parte dei miei post a questo si rivolgerà,vi prego comunque di seguirmi,e di commentare ,criticare e consigliare……….siete i benvenuti.

Navigazione articolo